CI SIAMO TRASFERITI SU

mercoledì 26 gennaio 2011

Ferrari: la nuova monoposto si chiamerà "Ferrari F150"

Un omaggio all'Italia. La nuova monoposto Ferrari che prenderà parte al campionato di Formula 1 2011, avrà un nome speciale, dedicato al nostro paese e ai festeggiamenti per i 150 anni dell'unità d'Italia. Proprio per questo motivo, la nuova monoposto di Maranello prenderà il nome di "Ferrari F150"in omaggio ai 150 anni dell'Unità d'Italia. Il nome della monoposto è stato svelato ieri ed è stato anticipato nel pomeriggio al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Il presidente Montezemolo definisce la Rossa e la nostra nazione, un binomio inscindibile: 

«Da sempre il nostro marchio esprime il talento e la creatività italiani. Tutti gli uomini e le donne che lavorano con impegno e passione a Maranello condividono l’orgoglio e la responsabilità di rappresentare il nostro Paese nel mondo ed è con questo spirito che abbiamo voluto dedicare questa monoposto ad un evento così importante per l’Italia intera»

Inoltre il Tricolore, da molti anni presente sulle monoposto di Maranello, nel 2011 avrà una collocazione ancora più significativa nella livrea della vettura. La vettura sarà presentata al pubblico il 28 gennaio 2011, con il relativo debutto in pista sul circuito di Fiorano.

La nuova monoposto (progetto 662)  sfida la Red Bull campione del mondo 2010 e le altre scuderie che si presentano molto insidiose. Fernando Alonso e Felipe Massa si augurano di portare la vettura davanti a tutti sin dall'inizio, per mandare un messaggio forte e chiaro alle scuderie rivali.
La vera versione della "Ferrari F150" però non sarà quella della presentazione ufficiale prevista tra 2 giorni: gli alettoni saranno quelli della vettura del 2010 e almeno un 30% della nuova livrea sarà nascosto fino ai primi test previsti per Valencia. La vettura che debutterà in Bahrein sarà davvero definitiva. 

Infatti quest'anno "camuffare" pare la parola d'ordine in Ferrari, pronta a studiare i team rivali e ad adeguarsi alle loro mosse. Per questi motivi, la scuderia McLaren ha deciso di rinviare la presentazione della sua nuova monoposto Mp4-26 a metà febbraio a Jerez: a Valencia invece  effettuerà le prime prove una monoposto con molte parti della Mp4-25, che ha corso nel 2010. Tutte le vetture presentate ufficialmente quindi, non saranno in realtà le vere monoposto, ma un "assaggio" delle vetture del campionato 2011, in attesa della prima gara del campionato. Solo in quell'occasione potremmo ammirare le vere soluzioni tecniche adottate da tutti i team.

Nonostante queste vetture non proprio definitive, possiamo comunque fornire alcuni cambiamenti dettati dal nuovo regolamento. Nel campionato 2011 non vedremo più:
  • collegamento tra il cofano motore e l'ala posteriore: non vi saranno più le cosiddette "pinne";
  • niente F-duct;
  • non saranno più utilizzabili i cerchioni aerodinamici, introdotti da Ferrari 

La nuova Ferrari F150 inoltre dovrebbe avere fiancate in stile McLaren, con prese d'aria rettangolari e orizzontali, mentre gli spunti presi dal team RedBull saranno un anteriore con "muso" più piatto (per migliorare il rendimento del flusso sotto la parte anteriore della vettura) e le sospensioni posteriori a tirante (pull-rod), uno dei cavalli di battaglia di Adrian Newey, capoprogettista del team inglese. 

Quest'ultima soluzione, che a Maranello è stata reinterpretata e rivista secondo gli ingegneri Ferrari, è necessaria, vista l'abolizione del doppio diffusore e la necessità di recuperare carico aerodinamico e verrà adottato da tutte le case costruttrici in Formula 1. Lo schema porta molti vantaggi, come l'integrazione perfetta con gli scarichi bassi, la possibilità di rendere estrema l'aerodinamica al retrotreno e liberare spazi nell'area del cambio.
Pare inoltre sia già disponibile una seconda variante del retrotreno della F150, mentre sul fronte del Kers (dispositivo per il recupero dell'energia, che torna dopo un anno di assenza), la Ferrari riproporrà la soluzione già adottata nel campionato 2009 con dimensioni notevolmente ridotte, con il pacco batterie posizionato nell'area del serbatoio.
Fonte|Corriere
Foto|Flickr

1 commento: