CI SIAMO TRASFERITI SU

venerdì 3 dicembre 2010

Mirafiori: "niente investimenti", salta l'accordo!


Per ora salta la trattativa su Mirafiori. Fiat infatti ha affermato che "non ci sono le condizioni per fare l’investimento a Mirafiori". Lo riferiscono anche gli stessi rappresentanti sindacali di tutte le sigle metalmeccaniche alla fine della trattativa sullo stabilimento torinese.
Sembra che non sarebbe solo la Fiom ad aver manifestato riserve sul piano presentato dalla Fiat, ma tutti i sindacati, così Fiat a deciso di chiudere il confronto. I sindacati hanno chiesto però di riprendere la trattativa tra qualche giorno per poter valutare la proposta dell’azienda.

CONTRASTO TRA I SINDACATI 
Il segretario della Fismic attacca:

“Fim e Uilm si sono assunte una responsabilità gravissima che contraddice il percorso fatto da Pomigliano in avanti”

commentando la riserva posta da Fim e Uilm sul contratto per Mirafiori, nel corso della riunione ristretta tra i sindacati e Lingotto.  Continua dicendo:
“E’ una responsabilità  che si devono assumere nei confronti dei lavoratori che non hanno piu’ un piano industriale che prometteva investimenti”

Per il responsabile Auto della Fim, Bruno Vitali "la situazione è complicatissima, si è inceppata. La Fiat dovrà decidere nei prossimi giorni se quel testo può essere modificato. Per noi deve comunque confermare l’investimento per Mirafiori."

Il segretario nazionale dell’Ugl, Antonio D’Anolfo, dichiara: "Ribadiamo la nostra disponibilità ad una condivisione dell’intesa che richiama quella di Pomigliano anche perchè in questa intesa sono state accetatti diversi suggerimenti arrivati dalla nostra organizzazione. Fim e Uilm non hanno detto no all’accordo, hanno solo chiesto tempo. Noi auspichiamo una ripresa del confronto nell’interesse dei lavoratori interessati".

FABBRICA ITALIA
Quindi vi è un ulteriore stop al piano "Fabbrica Italia" tanto voluto da Sergio Marchionne e dal gruppo Fiat. I sindacati avranno le loro ragioni come Fiat avrà le proprie, ma sembra davvero impossibile in Italia riuscire a trovare accordi tra sindacati e aziende, il tutto a discapito dei lavoratori, che a queste condizioni si ritroverebbero in un'ottimo ed efficiente stabilimento come quello di Mirafiori senza piano industriale (trovate qui il piano per Mirafiori).

Avremo mai in Italia realtà efficienti come quella Tedesca o Americana? Marchionne negli stati uniti non ha trovato intoppi industriali o governativi e tutti sono stati sin da subito ben felici di lavorare per il nuovo gruppo Chrysler-Fiat. In Italia sembra che tutto questo non possa accadere. Speriamo davvero che si possa arrivare ad un accordo, visto che su una questione molto più difficile come Pomigliano lo si è raggiunto.

Va anche detto che Marchionne nell'ultimo periodo si era stancato dei continui "schiaffi" ricevuti da governo e sindacati anche dopo aver dichiarato di voler investire 20 miliardi di euro. Seguiremo con voi l'evolversi della vicenda, sperando che a rimetterci non siano i lavoratori.

1 commento:

  1. Allucinanti i sindacati!!! non vogliono proprio che in Italia si lavori!!!!

    RispondiElimina