CI SIAMO TRASFERITI SU

lunedì 22 novembre 2010

Smart elettrica: a Reggio Emilia come auto del domani



La Smart ForTwo elettrica continua la sua campagna di promozione in Italia, e dopo città importanti come Roma, Milano, Pisa e molte altre, è stata presentata in anteprima regionale per l'Emilia Romagna a Reggio Emilia. L'auto è stata testata in collaborazione con Enel, e promette un'autonomia di 135 km con un tempo di ricarica di circa 6 ore e velocità massima 100 km/h.



Il prototipo della piccola elettrica è stato presentato nella piazza principale della città (piazza Prampolini) per la prima volta in Emilia Romagna. Forse non tutti sanno che Reggio Emilia è la prima città in Europa per dotazione di parco veicoli elettrici per usi di servizio e per dotazione di rete ciclabile. Infatti da molti anni è impegnata nello sviluppo di una mobilità sostenibile a basso o nessun tasso di emissioni, come la bicicletta, il trasporto pubblico (totalmente a metano o GPL) o l'alimentazione elettrica. Mentre altre città allestiscono le colonnine per la ricarica pur essendo sprovviste di vetture elettriche, a Reggio i mezzi sono già presenti e le colonnine sono in costruzione. La piccola città accoglie a braccia aperte questi nuovi modelli di auto elettriche e confidiamo sia un buon esempio per tutta l'Italia.

INTERNI
Gli interni della Smart elettrica si distinguono da quelli della normale Smart unicamente per la plancia, dove troviamo gli indicatori del livello di carica e del flusso di corrente. Lo spazio interno è rimasto invariato, grazie al pacco batterie da 16,5 kWh posizionato sotto il pianale.

PRESTAZIONI
La piccola Smart ovviamente non produce emissioni nocive ed è stata testata in questo periodo, in collaborazione con Enel. E' dotata di un motore a magneti permanenti da 30 kw il quale sviluppa una potenza di 41 cv in grado di ottenere le seguenti prestazioni:

  • Accelerazione 0-60 km/h: 6.5 sec
  • Velocità massima: 100 km/h (autolimitati)
  • Autonomia: 135 km
  • Tempo di ricarica: 6 ore (circa)

La vettura utilizza batterie al lito ed è molto silenziosa, il che è un vantaggio per il confort acustico dei centri storici, ma un problema per i pedoni, che in ogni caso però dovrebbero prestare attenzione. Ovviamente l'utilizzo dei fari, la percorrenza di salite e l'utilizzo dell'aria condizionata comportano una diminuzione dell'autonomia, che rimane comunque sufficiente per le esigenze quotidiane. La ricarica può avvenire anche tramite una normale presa da 220 volt.

Ci auguriamo che lo studio e lo sviluppo di queste vetture sia sempre maggiore, visto l'interesse mostrato anche da paesi importanti come Stati Uniti e Cina, in modo tale da portare le auto elettriche ad essere "realmente" pulite. Diciamo questo considerando che comunque per produrre le batterie al litio e per fornire l'energia elettrica alle torrette di ricarica, andrebbero bruciati combustibili fossili in enormi quantità. La soluzione deve essere definitiva, non momentanea come spesso accade.


2 commenti:

  1. Ma porca miseria...fare un pò di pubblicità no eh? sarei andato volentieri a vederla a Reggio Emilia ...mah...marketing voto 0-

    RispondiElimina
  2. I liked the way you put together everything, there is certainly no need to go any further to look for any additional information. You mentioned each and everything that too with much of ease.
    smart elettrica Campania

    RispondiElimina